curiosità

L’ulivo misterioso

0 1420

Una delle cose che mi ha da sempre incuriosito é cosa rappresentasse l’olivo della “testa” delle  monete da 5 millesimi di dinaro. Con il passare degli anni il duru era sempre più difficile da trovare perchè i prezzi hanno comincato ad essere arrotondati ai 10 millesimi ( ad oggi 5 millesimi equivalgono a circa 2 millesimi di euro) ma l’immancabile olivo spuntava nei suq, i mercati, sottoforma di souvenirs realizzati in (finto?) argento. Per i venditori nelle bancarelle era un portafortuna, la spiegazione più plausibile che mi ero data, senza voler ricorrere all’ immagine cristiana della pace o dell’ultima notte di Gesù, era quella che in Tunisia ci sono tanti ulivi, dell’ottimo olio, la moschea di Tunisi si chiama Moschea dell’Ulivo….tutti buoni motivi per mettere l’ulivo come simbolo su una moneta.

Anno scorso, casalmente, scoprii a Tunisi, proprio in centro, un interessantissimo museo numismatico che ripercorreva la storia della Tunisia attraverso le monete: da Cartagine fino ai giorni nostri, millenni di storia che scorrevano su quei piccoli pezzi di metallo e banconote. Rimasi sorpresa nel vedere che anche la moneta da 1 millesimo e quella da 2 millesimi avevano lo stesso olivo.

1 millttTunisia-KM348_5millim_2005-AH1426

 

A marzo scorso, quando tornai in Tunisia, c’erano delle monete nuove, i 2 dinari, e…..anche queste con l’ulivo. “Strano”, pensai, ” che una moneta nuova e che ha un certo valore abbia ancora questo olivo?!?” (più o meno 2 dinari equivalgono al costo di un panino farcito)

index

E  quest’estate finalmente la spiegazione: (ora vorrei chiedere a qualunque tunisino se sa cos’è e dove si trova…..)

 

IMG_20140808_175137

Di ritorno da una bella giornata al mare, eccolo l’ulivo, identico a quello raffigurato sulle monete: l’ulivo d’Échraf , a El-Hawariya, uno straordinario monumento naturale di circa 2500 anni che si suppone sia stato piantato all’epoca dei cartaginesi!

Era la prima volta che lo vedevo anche se ero già stata molte altre volte a El -Hawariya, forse perchè è un pò distante dal paese.

È stato emozionante vedere una cosa “viva” che ha 2500 anni, è una cosa diversa dal vedere un monumento senza anima,  e finalmente ho trovato una risposta soddisfacente alla mia domanda!

 

 

 

 

 

 

About the author / 

Michela

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Archivi

Commenti recenti

Count per Day

  • 656Questo articolo:
  • 165813Totale letture:
  • 116Letture odierne:
  • 180Letture di ieri:
  • 1316Letture scorsa settimana:
  • 975Letture scorso mese:
  • 100082Totale visitatori:
  • 68Oggi:
  • 89Ieri:
  • 699La scorsa settimana:
  • 500Visitatori per mese:
  • 90Visitatori per giorno:
  • 0Utenti attualmente in linea: